fbpx

Futura: il carattere tipografico della Luna

Il Futura è il carattere tipografico della Luna. Abbiamo scritto questo articolo informativo sia per te che per i redattori di Giroidea.

Futura: il carattere tipografico della Luna

Tempo di lettura: 5 minuti.

La NASA ha scelto un carattere tipografico dal nome emblematico. Quale?

Il font Futura nato come contributo d’avanguardia al Modernismo degli anni ’20 è stato scelto per comunicare il gesto più eroico compiuto dall’uomo moderno: andare sulla Luna. Quest’anno celebriamo il 50° anniversario: 1969-2019.

“Un piccolo passo per l’uomo un grande passo per l’umanità”

In Giroidea  ricordiamo questo evento parlando del carattere tipografico (font) che la NASA ha scelto e utilizzato in tutte le grafiche: ogni tipo di etichetta, ogni manuale è stato impaginato utilizzando la chiarezza del carattere Futura.

Il Futura è nato in Europa. Ha composto e impaginato ogni materiale stampato che ha aiutato un manipolo di studiosi a leggere e capire come portare l’umanità sulla Luna.

«Gli uomini del pianeta Terra hanno messo piede sulla Luna. Luglio 1969. Siamo venuti in pace»

Questa frase è stata incisa sulla placca lunare, una piastra di acciaio: questo è il primo oggetto di design monumentale che l’uomo ha mai fissato nello spazio extra-terrestre.

La descriviamo brevemente: l’iscrizione in Futura tutto Maiuscolo è impaginata su 4 righe centrate sotto i disegni dei due emisferi terrestri ed è seguita dalle firme dei 3 astronauti e del presidente Nixon. Il tutto è stato profilato con 2 filetti, l’esterno più pesante, l’interno più leggero, in una cornice con angoli arrotondati.

Mentre Buzz Aldrin e Neil Armstrong lievitavano sulla superficie lunare, fissarono questa placca sulla Luna. Probabilmente la prossima missione #Moon2024 la ritroverà, pensa che emozione per i futuri Astronauti.

Futura: simbolo d’autorità

Il lancio del primo uomo sulla Luna è stato possibile anche grazie alla semplicità e alla chiarezza con cui sono stati prodotti tutti i materiali stampati. La curiosità rappresentata dal nome del font “Futura” è emblematica e significativa.

Abbiamo seguito il video della lezione TEDx che ti riproponiamo perché ti permetterà di conoscere aneddoti inediti:

Quando l’umanità è riuscita ad allunare, per la prima volta nel 1969, il carattere tipografico Futura era lì con loro. Da quel momento è diventato uno dei caratteri più utilizzati al mondo.

Giroidea ha voluto celebrare il cinquantesimo anniversario dello sbarco sulla Luna (Moon Day) scrivendo questo articolo informativo su una storia affascinante che vede tra i suoi protagonisti anche un carattere tipografico.

Lo abbiamo scritto sia per te sia per il nostro team di grafici e di redattori, per ricordarci responsabilmente come la scelta del giusto carattere – cosa che facciamo per ogni progetto editoriale – possa contribuire a “fare la storia”.

Questo è quanto accaduto per il carattere Futura che da oggi sarà ricordato da tutti come il carattere di stampa dell’allunaggio dopo il lancio della navicella spaziale Apollo 11.

Futura: la sua storia

Provenienza di un carattere tipografico che ha fatto la Storia

Il Futura è stato disegnato nel 1927 ad opera del designer di caratteri tedesco Paul Renner. Futura, che iniziò ad essere utilizzato come espressione di un’arte elitaria, si propagò rapidamente per essere utilizzato da inserzionisti e stampatori nelle più disparate destinazioni: dalle didascalie museali delle opere di Picasso, ai primi cataloghi di design, fino alle riviste come Vanity Fair.

Negli anni ’50 e ’60 il Futura si era affermato come ideale utilizzo su informazioni autorevoli, note a piè di pagina di libri, giornali, enciclopedie e riviste. L’autorità visiva del Futura era stata già premiata dalla scelta dell’Esercito degli Stati Uniti che lo utilizzava fin da prima della seconda guerra mondiale e l’aviazione americana aveva iniziato ad applicarlo sulle etichette dei missili verso la fine degli anni ’50.

All’epoca del programma Apollo negli anni ’60, il Futura è stato scelto per contraddistinguere le operazioni militari.

50° Anniversario dell’Allunaggio Apollo 11: 1969-2019

Futura: uniformità e coordinamento

Perché la NASA ha eletto il Futura carattere tipografico ufficiale

Il font Futura divenne l’elemento principale del complesso sistema grafico della NASA in cui operavano migliaia di scienziati, ingegneri e burocrati governativi; la sua riconoscibilità si confermava immediata soprattutto per gli astronauti.

È grazie alla semplice chiarezza rappresentata dal carattere Futura che il modulo di comando risultava chiaro agli occhi degli Astronauti, diversamente sarebbe apparso come un ambiente aggrovigliato e confuso con tanta elettronica.

Gli astronauti avevano già abbastanza di cui preoccuparsi. Dove era necessaria la complessità, un’intera serie di pulsanti, manopole e quadranti erano etichettati in Futura, consentendo agli astronauti il totale controllo. Futura semplificava tutte le informazioni che dovevano essere rese più comprensibili, come le istruzioni della fotocamera e le buste per alimenti.

In tutti i casi, gli Astronauti hanno riconosciuto come propri gli oggetti su cui le scritte erano stampate in Futura. Tutto quello che dovevano sapere proveniva dalla NASA, e tutto ciò che era della NASA era scritto in Futura.

Se non è uniformità questa!

 

https://www.giroidea.it/business-design/
A che punto sei nella comunicazione del tuo marchio?
Giroidea.it
ciao@giroidea.it

Comunicare non è un dovere, è una scelta e un grande atto di altruismo. Non si comunica mai per se stessi, ma per con-dividere esperienze, emozioni, idee… In Giroidea amiamo la comunicazione di valore, capace di dare qualcosa di concreto alle persone. Le persone a cui ci rivolgiamo sono i vostri clienti; ecco perché scegliere GIROIDEA come la vostra nuova agenzia di comunicazione, è una proposta di valore.