L’informazione fa la differenza.

Pubbliredazionale: l’informazione pubblicitaria che conquista il lettore con autorità.

Ogni spazio – digitale o cartaceo – sul quale gli utenti possono leggere articoli e notizie è un’opportunità enorme per le aziende che vogliono conquistarsi la fiducia dei lettori, aumentando la reputazione del marchio.

La popolarità cresce solo se si offrono contenuti di qualità.

Essere editore significa curare la pubblicazione di contenuti che devono avere tanta qualità, poi viene la strategia del piano di comunicazione.

Se l’ufficio stampa è il megafono perfetto per gestire la comunicazione con il pubblico, è fondamentale conoscere approfonditamente il target di riferimento per proporre argomenti interessanti e di qualità, così da lasciare un valore.

La scrittura di articoli che presentino in maniera ampia dei prodotti o dei servizi collegati a un determinato periodo dell’anno, deve essere calibrata con la massima attenzione! Bisogna individuare argomenti di specifico interesse in quel dato momento ma che risultino sempre attuali, in cui un lettore può sempre trovare una risposta a un suo bisogno.

Informare per aumentare credibilità e migliorare l’esperienza dei consumatori con il marchio.

Scrivere un articolo redazionale efficace non è semplice, sono molti gli aspetti da tenere in conto: il target a cui ci si vuole rivolgere, i vantaggi che la lettura dell’articolo può portare al consumatore e – non da sottovalutare – l’obiettivo che si vuole raggiungere attraverso quel contenuto.

Ogni consumatore va calamitato con una lettura piacevole, ricca di immagini e non troppo tecnica. L’Imperativo è evitare ego-riferimenti! Una scrittura efficace prova a immaginare l’effetto che il contenuto avrà su chi legge, dando la priorità a consigli e spunti concretamente fruibili, ricorrendo a uno storytelling coerente in grado di emozionare e non annoiare gli utenti.

Pubblicando in maniera costante – ma sempre strategica – e scegliendo accuratamente contenuti di qualità, sarai in grado di fidelizzare i tuoi follower e promuovere i tuoi prodotti e servizi.

Presentare un contenuto con toni celebrativi non è sempre è il metodo migliore per ottenere l’attenzione del lettore. Meglio uscire dagli schemi e puntare a dargli informazioni utili; solo dopo potrai "ricevere" qualcosa da lui.

oggi, la comunicazione passa in primo luogo attraverso internet.

Social media: la cassa di risonanza perfetta per i comunicati stampa.

Al giorno d’oggi, i lettori sono sempre più curiosi e informati sugli argomenti che più catturano il loro interesse, e internet ha certamente giocato un ruolo cruciale nella ricerca di contenuti informativi.

Lo sviluppo dei social media in questi ultimi anni ha dato un’ulteriore spinta al trend di crescita dell’informazione: per gli utenti più attivi, è sufficiente recarsi sulla pagina social di un marchio e trovare tutti i riferimenti utili e immediati per scoprire tutte le ultime novità di quell’azienda.

L’ufficio stampa è – e deve essere – social! I comunicati stampa devono necessariamente passare attraverso queste piattaforme, con un piano editoriale efficace e ben programmato. I social, infatti, sono la piazza virtuale in grado di incrementare la percezione di serietà dell’azienda e il contatto diretto con il pubblico di riferimento.

Solo chi comunica raggiunge.
Solo chi raggiunge potrà essere scelto.

Articolo

Una pagina che è in grado di regalare un contenuto di valore a tutti gli utenti

Online

La comunicazione virtuale è uno strumento molto potente, perché più raggiungere all’istante migliaia di utenti

Sito web

Il biglietto da visita dell’azienda che ogni consumatore porta sempre in tasca

Copywriter

La persona capace di trasformare gli interessi degli utenti in materiali fruibili e comunicativi

Social

Non solo piattaforme di svago, ma veri e propri strumenti professionali per la divulgazione di contenuti

Piano Editoriale

Le linee guida fondamentali per la strutturazione dei contenuti e per la loro comunicazione

No alla ripetizione di slogan pubblicitari.

Nessuna azienda vuole avere “semplici consumatori occasionali”, ma clienti affezionati che si rispecchiano nei valori che vengono loro comunicati.